Home arrow News arrow Opinioni arrow I Guantoni: La Storia delle Marche più Famose

I Guantoni: La Storia delle Marche più Famose

Valutazione dell'utente: ONONONONOFF / 20
Peggiore Il migliore 
Contributo di Franco Ligas
mercoledì, 27 agosto 2014

In questo fine mese, povero di grandi incontri e di eventi rilevanti, abbiamo deciso con gli amici di BOXENEWS di impegnare un po' del nostro tempo per parlare di un argomento che siamo sicuri accoglierà i favori dei nostri lettori, ovvero i Guanti da Boxe, croce e delizia di tutti quelli che praticano il nostro sport. Da sacco, da sparring, dalle 8 alle 16 once, quante volte abbiamo discusso di queste cose con i nostri compagni di palestra, magari tra una pausa e l'altra di un esercizio? Quante volte abbiamo chiesto, al maestro o ai più esperti, consigli su quale fosse la migliore marca da utilizzare, magari la più adatta alle nostre caratteristiche?


Ovviamente questo articolo non vuole sostituirsi all'unica persona in grado di potervi indirizzare verso un determinato materiale, e stiamo parlando del vostro allenatore. Che taglia di guanti usare, per quanto tempo ed in che occasione, ve lo può dire solo ed esclusivamente il Maestro, non certo un articolo su un sito specialistico, ma il pugilato è anche passione, ed è ogni tanto, a seconda delle proprie possibilità, può capitare di volersi togliere qualche sfizio, magari indossando un determinato elemento piuttosto che un altro delle stesse caratteristiche.

Ed è per questo motivo che abbiamo fatto una ricerca sulle marche più famose, quando e dove sono nate, per permettervi di conoscere un po' meglio quello che indossate e nel caso indirizzarvi verso qualcosa a voi più affine, sempre in accordo con il vostro coach. Vi piace la boxe americana, inglese o messicana? Siete nazionalisti e vedete tutto tricolore? O siete rimasti anche voi affascinati dalla determinazione dei pugili giapponesi ed argentini? Ed il vostro pugile preferito, che brand utilizza?
Iniziamo quindi questo piccolo viaggio alla scoperta dei produttori di guanti da boxe più famosi al mondo.


CLETO REYES
 

Cleto Reyes Castro nasce a Città del Messico il 26 Aprile 1920, ed inizia a lavorare a soli 12 anni nella fabbrica di guantoni da baseball Seyer del suo fratellastro Carlos Reyes. Nel '38 partecipa ad un torneo amatoriale di pugilato, e nonostante il successo decise di non proseguire con la nobile arte, iniziando però, grazie alla sua esperienza lavorativa, a fabbricare guantoni da boxe fatti a mano nel tempo libero.
Ottenuta l'approvazione della Comisión de Box del Distrito Federal, nel 1945 per la prima volta si utilizzano dei Cleto Reyes per un campionato mondiale, e precisamente nel match tra il messicano Juan Zurita e l'americano Ike Williams, episodio questo che convince Don Cleto a mettersi in proprio iniziando l'attività di produttore di guantoni.
Nel 1970 il figlio Alberto si unisce al padre, registrando il marchio nel 1975 e fondando nel 1979 quella che oggi è l'Industria Reyes, dando il via ad un commercio su larga scala che ha reso questo marchio "Made in Mexico" un must per chiunque faccia attività pugilistica.
Vengono esportati nei 5 continenti, sono approvati dalle principali organizzazioni pugilistiche e continuano ad essere i più utilizzati dai fighter dell'America Latina.


EVERLAST 

 

Poche persone lo sanno, ma la Everlast iniziò la sua attività nel 1910 nel Bronx producendo... costumi da bagno! Jacob Golomb, diciassettenne ottimo nuotatore e figlio di un sarto, non amava molto i costumi del tempo che avevano il difetto di rovinarsi troppo spesso, e decise quindi di dedicarsi alla fabbricazione di uno che durasse molto di più, e fu così soddisfatto del risultato che lo chiamò appunto ever-last, ovvero per-sempre.
Negli anni seguenti Jacob trasformò questa idea in un piccolo negozio di articoli sportivi, fino a quando un giovane pugile, Jack Dempsey, non gli chiese di ideare dei guanti da boxe che durassero più del solito. Nessun problema, e quando Dempsey nel 1919 vinse il titolo mondiale dei pesi massimi con i guantoni disegnati da Golomb, nacque la leggenda Everlast.
Da Jack Dempsey a "Sugar" Ray Robinson, da Joe Louis a Muhammad Ali passando per Rocky Marciano, Jake LaMotta, Roberto "Manos de Piedra" Duran, Larry Holmes, Joe Frazier,  Mike Tyson, Evander Holyfield e George Foreman, il colosso americano oggi controllato dalla britannica Brands Holdings continua ad essere uno dei più venduti al mondo, presente in ben 101 nazioni. 

 


GRANT

Azienda fondata nel 1995 negli Stati Uniti, e precisamente a New York City, dal ventinovenne Grant Elvis Phillips, in pochi anni è diventata uno dei produttori di guantoni più famosi al mondo, grazie all'elevata qualità dei suoi prodotti ed al carisma del suo fondatore, capace non ancora trentenne di allenare campioni mondiali come Richard Sandoval e Juan “Kid” Meza, e gestire la carriera di gente come  Iran Barkley, Lonnie Smith, Paul Vaden e Leslie Stewart.
Utilizzati in moltissimi incontri professionistici combattuti negli Stati Uniti, sono o sono stati usati da fenomeni del calibro di Floyd Mayweather,  Roberto Duran, Sugar Ray Leonard, Roy Jones Jr, Joe Calzaghe, Bernard Hopkins, Julio Cesar Chavez Jr, Saul "Canelo" Alvarez, Vitali Klitschko e suo fratello Wladimir.
Il suo logo è uno dei più presenti nelle palestre americane, ma molto meno all'estero dove sembra faticare a prendere piede anche a causa degli alti costi di importazione. Sono i guantoni dei campioni, quelli dei match a cinque stelle, i più usati davanti alle telecamere dei più famosi network televisivi e pensati quasi esclusivamente per l'elite del pugilato mondiale. Floyd Mayweather Jr. ha definito Phillips "Il Versace del Pugilato", che altro aggiungere?



LONSDALE

Questo marchio deve il suo nome ad una famiglia della nobiltà inglese. Nel 1891, infatti, Sir Hugh Cecil Lowther, 5º conte di Lonsdale, organizzò il primo incontro di pugilato coi guantoni dopo aver assistito alla morte di tre partecipanti a match combattuti a mani nude. Lo stesso conte, nel 1909, creò la Cintura Lonsdale, per premiare quei pugili che difendevano con successo per due volte consecutive il titolo britannico, cintura che ancora oggi viene consegnata al vincitore del titolo nazionale.
Nel 1959 il 7° conte di Lonsdale diede l'autorizzazione a Bernard Hart, un ex pugile professionista, di poter utilizzare il nome come brand per una marca di abbigliamento sportivo il cui punto vendita era situato vicino ad una delle strade più alla moda della capitale britannica, Carnaby Street, e questo portò il marchio, anche grazie all'esperienza di Hart nel pugilato, ad avere un immediato successo. Venne infatti indossata sia da pugili famosi come Muhammad Ali, Henry Cooper e "Sugar" Ray Robinson che da personaggi pubblici come  Paul McCartney, Gregory Peck, Anthony Quinn e Tony Curtis.
Attualmente di proprietà della Sport Direct Group, continua ad essere utilizzata soprattutto da pugli inglesi come Carl Froch, Lennox Lewis, Joe Calzaghe, James DeGale, Audley Harrison e Ricky Hatton, che per una parte della loro carriera hanno vestito con orgoglio il marchio nazionale.


ADIDAS
 

Adidas è un gruppo industriale multinazionale tedesco, specializzato nella produzione di articoli sportivi per un gran numero di discipline. Tutti i prodotti sono caratterizzato da tre strisce parallele disposte in modo obliquo, che riprendono il logo ufficiale dell'azienda.

Il marchio nasce nel 1924, quando Adolf "Adi" Dassler, figlio  di un calzolaio, iniziò a produrre insieme a suo fratello maggiore Rudolf scarpe da calcio, per poi estendere la propria attività anche all'atletica, arrivando nel 1936 ad equipaggiare il grande Jesse Owens durante i Giochi Olimpici del 1936.

Nel 1947 i due fratelli decisero di dividersi: il maggiore fondò la Puma Schuhfabrik Rudolf Dassler, oggi conosciuta come Puma, mentre Adolf utilizzando il suo soprannome e la parte iniziale del suo cognome diede vita all'Adidas.
Nel 1971 avviene l'esordio nel pugilato, con la produzione delle scarpe che vennero utilizzate da Muhammad Ali e Joe Frazier per la loro prima sfida, il "Fight of the Century", a cui seguirà la produzione di guantoni che grazie alla forza del marchio sono tra i più utilizzati nelle palestre di tutto il mondo.


WINNING

Marchio fondato nel 1937 in Giappone da Kazumichi Hayashi, ora di proprietà statunitense e commercializzato principalmente in Nord America, produce alcuni dei guantoni più utilizzati dai professionisti di tutto il mondo, considerati tra i migliori per l'allenamento grazie all'ottima fattura dovuta al fatto che vengono fabbricati esclusivamente in Giappone.
Il fatto di essere prodotti in Giappone e commercializzati negli Stati Uniti li rende per ovvi motivi un po' più costosi della media generale, motivo per cui vengono considerati un prodotto di nicchia e non usufruibile da tutti gli amatori.
Poche sponsorizzazioni, poca pubblicità ma ottimi materiali sono le caratteristiche di questo brand, che in modo silenzioso ma capillare si sta facendo sempre più largo tra i pugili di tutto il mondo. Volete un esempio? Sia Mayweather Jr. che Pacquiao li usano spesso per i loro allenamenti, e questo vorrà pur dire qualcosa. 


LEONE

Questa storico marchio italiano, il più conosciuto ed utilizzato nelle nostre palestre e dai nostri professionisti, viene fondato nel Marzo del 1947 dal Cav. Orlando Leone, appassionato di pugilato con un passato nel settore della pelletteria.
Inizialmente l'azienda produce accessori per il calcio, per voi dedicarsi completamente alla nobile arte diventando in poco tempo leader indiscusso del mercato nel nostro paese, vestendo i campioni leggendari dell'epoca d'oro del nostro sport.
Guidata dalla terza generazione della Famiglia Leone, questo marchio ha ampliato i propri orizzonti occupandosi oltre che della boxe anche di tutte le altre discipline da combattimento, come Kick Boxing, Thai Boxing, Savate ed MMA.

Sponsor tecnico del nostro Leonard Bundu e di altri famosi pugili italiani, è conosciuta anche all'estero grazie ad atleti di caratura internazionale come Giorgio Petrosyan ed Alessio Sakara, anche loro patrocinati dall'azienda milanese.


CORTI
 

Eduardo Corti nasce il 23 Luglio del 1906 a Buenos Aires, in Argentina. A vent'anni sale sul ring per la prima volta, terminando l'attività 11 anni più tardi e con all'attivo quasi 200 match combattuti tra il dilettantismo ed il professionismo.
Nel 1937 decide di appendere i guantoni al chiodo, utilizzando la sua esperienza sul quadrato per intraprendere l'attività di produttore di articoli sportivi dedicati al pugilato, e diventando in poco tempo numero uno del paese sudamericano.
Sono stati ben 24 i campioni mondiali argentini ad aver utilizzato questo marchio, da Carlos Monzon a Pascual Perez, da Nicolino Locche a Jorge Barrios, passando per Horacio Accavallo, Victor Galindez, Miguel Castellini, Miguel Cuello, Hugo Corro, Sergio Palma, Santos Laciar, Gustavo Ballas, Ubaldo Sacco, Juan Martin Coggi, Pedro Decima, Julio Cesar Vazquez, Nestor Giovannini, Jorge "Locomotora" Castro, Marcelo Dominguez,  Carlos Salazar, Juan Domingo Cordoba, Hugo Soto, Victor Godoi. Julio Chacon, Raul Horacio Balbi, Omar Narvaez, Hector Velazco,  Marcela Acuna e Carlos Baldomir.

Non è una marca conosciuta all'estero, ma in qualunque palestra argentina troverete dei guantoni Corti, famosi per la loro comodità e per la qualità della pelle, rigorosamente Made in Argentina.

 

 
CHARLIE

Il marchio Charlie nasce nel 1987 a Madrid, in Spagna, dall'idea di allenatore di pugilato originario di Cadice, che iniziò l'attività vendendo i guanti da lui fabbricati agli allievi della sua palestra nel quartiere di Tetuán, riuscendo in pochissimo tempo ad imporsi come azienda leader nella penisola iberica per quanto riguarda la fornitura del materiale adatto all'attività pugilistica.
Approvati dalle maggiori federazioni ed organizzazioni pugilistiche, sono tra i guantoni più utilizzati nelle palestre spagnole soprattutto per gli allenamenti, anche grazie ad una pubblicità che richiama spesso alle origini umili di questo marchio, fatto da gente della strada per gente della strada.
Charlie "Made in Hell", Charlie "From Hell to You", insomma uno stile iper-aggressivo che è riuscito nell'impresa di far breccia anche nel cuore di chi non ha mai messo piede in una palestra, grazie ad alcuni prodotti di abbigliamento molto popolari tra i giovanissimi spagnoli.



PALOMARES


Fondata in Messico da Francisco Palomares nel 1938, inizia l'attività fabbricando accessori di cuoio per il baseball per poi passare a produrre guanti da boxe, uno sport che stava prendendo sempre più piede nel paese centro-americano.
Contrassegnati dal logo FPX, ovvero  Francisco Palomares Xalostoc, il nome completo del suo fondatore, sono commercializzati in tutta la Republica Messicana e godono di un ottima fama generale, soprattutto per il prezzo contenuto in relazione alla buona qualità del prodotto.
Non essendo di primissima fascia sono utilizzati per lo più per l'allenamento
, anche se proprio questa caratteristica ha contribuito e renderli molto popolari soprattutto tra quei ragazzi che per la prima volta entrano in palestra ed hanno bisogno di un materiale accessibile ed  economico.
Commerciano anche guantoni di altri marchi, come i Seyer di cui parleremo tra poco


SEYER 


Fondata da Carlos Reyes, fratellastro di Don Cleto Reyes, in Messico nel 1930, iniziò producendo guantoni da baseball come molte altre aziende di quel periodo. Nel 1940 viene registrato il marchio Seyer, mentre Don Cleto, che aveva precedentemente lavorato nella fabbrica, era solito utilizzare Reyes per i suoi guantoni, generando molta confusione tra gli appassionati del tempo spiazzati da questi due marchi quasi uguali.
Questa guerra ta fratellastri andò avanti per decenni con alterne fortune, fino a quando Alberto, figlio di Don Cleto, non registrò la marca col nome Cleto Reyes, diversificando il proprio logo. La Seyer, che grazie a questa situazione di caos riusciva comunque a sopravvivere, decise quindi di cambiare il proprio per farlo assomigliare a quello del concorrente, alimentando questa confusione che ancora oggi va avanti. Questa che vi abbiamo raccontato è però la versione scritta di suo pugno da uno dei protagonisti, proprio lo stesso Alberto, e quindi chiaramente di parte, ma costituisce comunque una testimonianza preziosa per capire il perchè della somiglianza tra i due loghi.
Attulamente il brand è di proprietà della Palomares, di cui vi abbiamo raccontato poche righe più su.


VENUM

Marca originaria del Brasile, fondata nel 2006, è famosa soprattutto per il materiale per l'MMA e l'UFC. Produce anche guantoni da boxe, arricchiti da disegni molto accattivanti e di una qualità che si dice essere parecchio elevata e dai costi non proibitivi.
Sono tra i guantoni più utilizzati dai pugili brasiliani, anche se il marchio è rivolto verso un altro tipo di pubblico, grazie alla sponsorizzazione di alcuni degli atleti più famosi come Lyoto Machida, Carlos Condit, Jose Aldo, Miesha Tate, Mauricio Rua, Wanderlei Silva, Fabricio Werdum, Martin Kampmann, Jim Miller, and Brad Pickett, che l'anno reso molto popolare tra gli appassionati di Arti Marziali Miste.
Il materiale d'abbigliamento è prodotto in Brasile, mentre quello da combattimento viene fabbricato in Thailandia e poi importato nel paese sudamaricano.



RIVAL

Fondata in Canada nel 2003, è il marchio simbolo del paese nord-americano, che grazia ad un sapiente lavoro di marketing è arrivato a sponsirizzare pugili del calibro di Jean Pascal, Leo Santa Cruz, Chris John, Yuriorkis Gamboa, Keith Thurman, Daud Cino Yordan, Carlos Amado Molina, Edwin Rodriguez, Eleider Alvarez, Kevin Bizier, Isaac Chilemba, Don George, e moltissimi altri.
Questi guantoni hanno la fama di calzare in maniera comoda nonostante vengano considerati adatti soprattutto per i "picchiatori" , e sono stati utilizzati anche per incontri professionistici di alto profilo oltre che negli allenamento dei già citati campioni.
In poco più di dieci   hanno raggiunto una notevole notorietà, e stanno inziando a prendere piede anche al di fuori del continente americano.


HAYABUSA

Altra marca specializzata in Arti Marziali Miste, nasce in Giappone qualche anno fa ed il suo nome, Hayabusa, non vuol dire altro che Falco Pellegrino nella lingua del paese del Sol Levante, un rapace diffuso in tutto il mondo sinonimo di forza, potenza e velocità, le stesse qualità che dovrebbero contraddistinguere un guerriero sul ring.
Non abbiamo notizie precise sulla qualità di questi guantoni, ma da un punto di vista estetico sono davvero molto belli e danno l'idea di essere di una qualità elevata, anche alla luce del fatto che il materiale per l'MMA gode di un'ottima considerazione tra gli appassionati.
Sponsoriza alteti come Georges “Rush” St-Pierre, Marcus “Buchecha” Almeida ed Anthony “Showtime” Pettis, tra i migliori del circuito, ed è molto utilizzata, oltre che nel suo paese di origine, anche in tutto il nord-america.


RINGSIDE

Fondata nel 1978 a Kansas City, negli Stati Uniti, dal sarto John Brown, questo marchio è tra i più rinomati nel continente nordamericano grazie all'uso di materiali innovativi e ad alcune intuizioni che al principio dovevano servire ad evitare molti degli infortuni più comuni nel pugilato, ed ora adottate da quasi tutti i produttori di guantoni.
Furono i primi ad utilizzare materiali sintetici per l'imbottitura al posto del crine di cavallo, proprio per evitare i frequenti problemi alle mani di chi li indossava, ed anche i primi ad incollare il pollice al corpo del guantone per evitare le frequenti fratture al dito e le lesioni all'occhio dell'avversario. La Ringside fu anche la prima ad aumentare lo spessore e la superficie della chiusura del guantone, per proteggere meglio il polso dell'atleta da fastidiosi traumi.


FAIRTEX

Marchio originario della Thailandia fondato nel 1958 da Philip Wong, un ex combattente amatoriale di Muay Thai, inizia l'attività a pieno regime nel 1971.

Diventa in poco tempo il più famoso produttore di materiaele per Muay Thai del paese asiatico, inizando parallelamente un progetto denominato "Fairtex Muay Thai Camp" a pochi chilometri dalla capitale Bangkok, che aveva come obbiettivo la salvaguardia dei giovani del posto che potevano trovare in questa struttura tutto il necessario per allenarsi e rimanere fuori dai guai, e contemporaneamente la diffusione di questo sport a livello internazionale grazie alla partecipazione attiva di campioni come Don "The Dragon" Wilson, Ramon Decker, Ivan Hippolyte, and Jongsanan "The Wooden Man" Fairtex
Nel 1999 questa azienda viene comprata da una compagnia statunitense, iniziando così a produrre anche guantoni per il pugilato.

 

_

< Precedente Successivo >

Menu Principale

Home Ricerca Entrata WEB TV

Accesso Utente





Non hai ancora un Profilo? Crea Profilo

Syndicate

RSS 0.91
RSS 1.0
RSS 2.0
ATOM 0.3
OPML

 

lunedì, 23 ottobre 2017

News in evidenza

Valid XHTML 1.0 Transitional!CSS Valido!