Home arrow Interviste arrow L'eliminatoria wbo dei cruiser in Polonia ci da il modo di parlare con M.B.Brioschi della situazione in Polonia, Cina e Italia

L'eliminatoria wbo dei cruiser in Polonia ci da il modo di parlare con M.B.Brioschi della situazione in Polonia, Cina e Italia

Valutazione dell'utente: ONONONOFFOFF / 6
Peggiore Il migliore 
Scritto da La Redazione
sabato, 31 gennaio 2015


In questo week end povero di incontri a livello mondiale risulta in evidenza l'eliminatoria sancita dalla WBO nei pesi cruiser tra l'imbattuto polacco e n.1 del rankig WBO Krzysztof Glowacki (23-0; 15 KO) e l'albanese residente in svizzera Nuri Seferi (36-6). Per saperne di più, come facciamo di 

consueto per le riunioni che si svolgono in Polonia, abbiamo fatto qualche domanda a Marco Beniamino Brioschi, sponsor italiano che vive ormai da qualche anno a quelle latitudini, ne è venuta fuori un'interessante conversazione sullo stato del pugilato in Polonia, in Cina e in Italia a cui vi lasciamo.

 



BoxeNews: "Inanzitutto un saluto e grazie di aver dedicato un po' del tuo tempo per presentare al meglio la riunione polacca ai lettori di BoxeNews. Che tipo di pugile è Glowacki?" 

Marco Beniamino Brioschi: E un buon cruiser intendiamoci, non un fenomeno ma un mancino con una buona  potenza e di sicuro margini di miglioramento a 28 anni. I lati negativi sono che tende a prendere troppe pause durante il  match ed un pugile come Seferi potrebbe approfittarne.

Altro dubbio sul suo record e la poca consistenza degli avversari affrontati e che non sia mai uscito dalla Polonia quindi diciamo che il match di sabato ci dirà qualcosa di più su questo ragazzo se potrà cominciare a guardare un po' più in alto e creare qualche fastidio ad Huck (n.d.r. campione WBO della categoria e reduce dalla difesa sul nostro Larghetti)

 


BN: Come è la situazione in generale del pugilato in Polonia?
MBB: Qui esistono strutture, di base è molto praticata, amata e seguita dai media in cui il pugilato ha uno spazio giornaliero (praticamente tutte le sere con PolSat Sport in testa). Venendo praticata si crea un buon sottobosco. A livello di Campioni purtroppo Włodarczyk, il "diablo" polacco (n.d.r. vincitore sul nostro Fragomeni) che era la punta di diamante ha perso il Titolo ma in futuro potrà ancora dire la sua ed eserciterà sicuramente l'opzione di rivincita previsto nell'accordo con Drodz.

Sicuramente oltre Glowacki, che punta a diventare sfidante ufficiale del campione WBO Marco Huck, questo è stato l'anno di Maciej "Maciek" Sulecki (19-0, 4 KO)  
sancito dalla splendida vittoria sull'ex campione europeo Proska. Poi bisogna citare di diritto Fonfara, duro challenger polacco dei pesi mediomassimi che vive ormai stabilmente in America e sarà a breve chiamato alla difficile sfida contro Julio C. Chavez Jr.

A livello femminile abbiamo Ewa Brodnicka (6-0), imbattuta tra i pro e con un passato come campionessa di kick, migliora giornalmente sia a livello tecnico che mediatico mantenendo comunque quel tocco di sensualità che non guasta in una donna. Prevedo per il 2015, se ben guidata, una sua crescita ulteriore che la porti ai vertici nella categoria fino ad arrivare nel 2016 al Titolo. Come puoi vedere la Polonia ha tutte le carte in regola, strutture, seguito delle persone, buona copertura televisiva e presenza di buoni pugili, la nota negativa che ho colto nel contesto pugilistico è l'approccio troppo "interessato" di alcuni promoter che non mettono in cima agli interessi il bene del pugile ma bensì i propri. Se invece di farsi le scarpe l'un l'altro gli eventi sarebbero di qualità maggiore!

                    
             (In foto M.B. Brioschi con Maciek Sulecki sponsorizzato dalla Bilo Poland)

BN: Tu segui molto per lavoro anche il mercato cinese e del sud-est asiatico in generale. Com'è la situazione del pugilato in quella regione?

MBB: La boxe professionistica in Cina fino a poco tempo fa non esisteva, avevano un'impostazione diversa con la guardia in avanti tipo jeet kune do, dopo le Olimpiadi è cambiato molto. Adesso comincia ad essere seguita ed amata, tante palestre, l'ultima aperta ad Hong Kong proprio da Pacquiao. Bob Arum sta investendo molto in Macao. A livello di ragazzi giovani ce ne sono sempre di più (es. Zou Shiming, Zang Zhilei o Rex Tso originario di Hong Kong). In Cina gli sviluppi avvengono in maniera anomala, a volte velocissimi e altre molto lentamente. Credo si sia sbloccato l'ostracismo contro il pugilato spingendo così la gente ad andare ad allenarsi creando strutture, ora serve il passo successivo che è ancora working progress è cioè che la gente venga attratta (quindi TV e Promoter). A livello di utenza e benessere c'è molto da fare ma il terreno è fertile ed una vecchia volpe come Bob Arum ha intuito prima di tutti questa grande potenzialità del dragone cinese.

BN: Infine segui sempre la situazione in Italia. Cosa ne pensi tirando i bilanci di questo 2014 e se c'è qualche pugile su cui investiresti come sponsor?
Sicuramente un buon anno, è una gran cosa che Italia 1 e mediaset abbia ricominicato a trasmettere in chiaro la grande boxe. Il livello italiano è asfittico come mezzi ma non privo di talenti. C'è infatti un vasto panorama di pugili come Marsili, Boschiero, Simona Galassi, Fiordigiglio e dimentico qualcuno sicuramente. Su chi potrei investire?! Sicuramente su Marsili, Fiordigiglio, Blandamura e Modugno.
 

 

 

 

_

< Precedente Successivo >

0 Commenti

Non vi sono commenti. Sii il primo a commentare questo articolo!

Inserisci un commento
Non verrà pubblicata

Notificami via e-mail le risposte
Ortografia Ortografia

Menu Principale

Home Ricerca Entrata WEB TV

Accesso Utente





Non hai ancora un Profilo? Crea Profilo

Syndicate

RSS 0.91
RSS 1.0
RSS 2.0
ATOM 0.3
OPML

 

venerdì, 24 febbraio 2017

News in evidenza

Sito segnalato da Sologratis.it

 


Directory italiana nuovosito.com

 


SEO

Segnalato su


 

Blogstreet - dove il blog è di casa

 

Sito segnalato da Freeonline.it - La guida alle risorse gratuite

 

migliorsito.com:

solo il meglio del web.




 

Aggregatore

 

modificare foto

 

Feedelissimo - sport

Valid XHTML 1.0 Transitional!CSS Valido!